INIZIO  IL
 MENÙ 
LE
 PIZZE 
 COSA C'È NELLA 
 NOSTRA PIZZA 
 IL PRANZO 
 DI NATALE 
 LA 
 FARINA 
 IL NOSTRO 
 SALAME 
 CORSO DI 
 LIEVITO MADRE 
 IL NOSTRO 
 CALENDARIO 
 RASSEGNA 
 STAMPA 
 DOVE 
 SIAMO 
 
 
 
 
 
Bergamo
 
OSIO SOTTO (Bergamo)
Tel 035 881598

 

 Segui La Bergamasca su Facebook
 

 

 
POLENTA AMORE E FANTASIA
 
 

 

 Il piatto più tipico della nostra tradizione è la polenta, per la quale noi bergamaschi abbiamo una vera e propria cultura.
 Il mais, arrivato dal Nuovo Mondo, dov’era considerato un dono divino, fu subito accolto con entusiasmo per la sua grande resa e per la facilità di coltivazione. La prima coltivazione documentata risale al 1632, quando a Gandino tutti corsero nei campi a vedere una curiosa pianta mai vista prima, il melgot, che era stata portata da un forester, probabilmente un mercante Veneziano: a quei quei tempi Bergamo faceva parte della Repubblica di Venezia, e per la sua posizione era il crocevia degli scambi tra Venezia e Milano.
 Arrivò a diventare il nostro piatto principale, spesso l’unico.
 Alcuni piatti bergamaschi d’ altri tempi sono: polenta e pica sö (con un’ aringa o un’ acciuga, sulla quale ogni commensale a turno sfregava un pezzo di polenta), chisol (polenta appallottolata con dentro del taleggio, messa ad arrostire vicino al fuoco), polenta ucia (con burro fuso, salvia e formaggio), sbrofadei (polenta e latte), polenta e osei (polenta e uccellini), e il più spesso ricorrente polenta e negot (polenta e niente).
 Ora è meno frequente sulle nostre tavole, ma rimane il piatto principe per accompagnare gli arrosti e la cacciagione, armonizzandosi ottimamente con le salse e gli intingoli, oltre a sposarsi perfettamente con i salumi, i funghi, i formaggi.

 

 Fare la polenta a regola d’arte è facile, basta saperla fare. Come attrezzature bastano un paiolo, meglio se di rame, ed un mestolo di legno. Come ingredienti l’acqua, il sale, ed una buona farina, meglio se integrale e macinata a pietra. Basta aggiungere olio di gomito ed in un’ora viene pronta, calda e buona.

 

 Nobile, buona e generosa, ma umile, la santa polenta, come la chiamavano i nostri nonni, è consigliata dai dietologi, amata da Re, poeti, artisti, e dai Bergamaschi.

 
 
 

Nel nostro ristorante la polenta non manca mai. La facciamo a mano con il Melgotto Spinato bergamasco integrale macinato a pietra.

 
 
Torna su